• FREE STEP ITALIA

L’emblema del Charleston fu Josephine Baker (1906-1975)


Il Charleston è uno stile musicale jazzistico risalente agli anni venti; trova il suo apice negli anni appena prima della grande depressione americana e finisce subito dopo il crollo della borsa del ’29. Partecipa all'evoluzione del rag time e del jazz, che nacquero e si diffusero già dalla fine dell’Ottocento e culminando in quella che venne definita «l’età del Jazz».

Il momento d'oro del Charleston bruciò e finì presto, ma sia la sua musica che ilballo associato, attraversarono la storia ed è tuttora (un po’ come il twist) conosciuto da tutte le generazioni del continente sia europeo che americano.

Oltre al ballo Charleston che si abbina alla musica, negli anni venti si ballavano sugli stessi ritmi, altre danze simili, come lo Shimmy e il Black Bottom, che avevano come caratteristica la posizione aperta e separata, e i movimenti delle articolazioni, che erano veramente innovativi e profondamente diversi dagli stili di danza, popolare o standard ballata a quell’epoca.

Dalla musica Charleston (omonimo paese della Carolina del Sud) nasce questo ballo che sembra risalire ai dopolavoro del porto della attiva cittadina, e ai movimenti degli scaricatori. Un ballo spontaneo quindi, di strada, dei lavoratori afroamericani, come più o meno tutte le prime performance legate alla musica jazz.



L’emblema del Charleston fu Josephine Baker (1906-1975), ragazza meticcia naturalizzata francese, che portò i movimenti tribali delle danze africane su tutti i palcoscenici americani e europei (dalle Ziegfild Follies di New York al famoso il Théâtre des Champs-Eliséees di Parigi). Nel suo stile originale di ballo si ritrovano elementi tribali uniti alle movenze dei primi spettacoli di Vaudeville afroamericani e bianchi.

#Dance

68 visualizzazioni

condividi la pagina

Logo.jpg

 © Copyright -  2017 by FREE STEP ITALIA