• FREE STEP ITALIA

Haiti, quando gli schiavi erano liberi solo da morti



Una quindicina di anni fa (nel 1999), dopo una serie di cicloni che avevano colpito l’isola di Guadeloupe, numerosi scheletri umani erano apparsi sulla spiaggia di Sainte-Marguerite. In breve tempo gli archeologi individuarono centinaia di tombe risalenti ad un periodo compreso tra il XVIII e il XIX secolo. L’ipotesi di aver scoperto un cimitero di schiavi di origine africana, venne confermata dallo studio dei crani. Parecchi presentavano denti con mutilazioni caratteristiche delle pratiche rituali di alcune popolazioni dell’Africa.

Finora dagli esperti dell’Institut national de recherche en archéologie préventive et anthropologue dell’università di Bordeaux sono stati riesumati più di 300 corpi – uomini, donne, bambini – su un migliaio di sepolti. A più di un secolo e mezzo sulla definitiva abolizione della schiavitù, questo è il primo studio archeologico sistematico condotto nelle «Antille francesi». Fino a qualche anno fa sarebbe stato una sorta di tabù, una vergogna collettiva da nascondere sia per i discendenti degli schiavi che per quelli dei padroni. In passato, analoghi ritrovamenti venivano frettolosamente sepolti e dimenticati. Invece gli scavi di Sainte-Marguerite, considerati in ambito accademico come «l’inizio dell’archeologia dell’epoca coloniale», vengono percepiti da buona parte della popolazione di Guadeloupe come «importanti nella ricerca della propria identità».

Il luogo in cui si svolgono le ricerche venne utilizzato come cimitero da numerose «habitations», le piantagioni di canna da zucchero nelle Antille. Nelle sepolture sono stati individuati due diversi periodi. Il primo si esaurisce con l’abolizione della schiavitù del 1794, l’altro (dopo che nel 1802 era stata ripristinata da Napoleone Bonaparte) arriva fino all’abolizione definitiva del 1848.

Mentre nella parte più antica del cimitero i cadaveri sono stati sepolti in maniera disordinata, in quella più recente i corpi sono in genere orientati in senso est-ovest, ricoperti da abiti e con un crocefisso. Lo studio degli scheletri operato da studiosi di paleopatologia ha confermato che le condizioni di vita degli schiavi nelle piantagioni erano durissime. Sono ancora evidenti i segni dei traumi causati dalle fatiche e dalle sofferenze a cui venivano sottoposti.

Tutti i corpi dimostrano meno di 30 anni e su molti soggetti di una ventina di anni sono state riscontrate artrosi vertebrali che in genere non compaiono prima dei 50. Una generalizzata perdita dei denti, anche tra i bambini, sarebbe conseguenza della scarsa alimentazione. Per sfuggire ai morsi della fame, gli schiavi mangiavano in quantità eccessiva la canna. La combinazione di zucchero e di silice, contenuta nelle fibre, aveva effetti devastanti sulla dentatura. Diffusissima la tubercolosi ossea («quasi al 100%» secondo gli studiosi) a causa della promiscuità e delle pessime condizioni igieniche. Non mancano i segni di maltrattamenti e torture. L’amputazione di una falange delle dita del piede andrebbe interpretata come la classica punizione per lo schiavo che tentava la fuga «rubando il proprio cadavere».

#Dance

0 visualizzazioni

condividi la pagina

Logo.jpg

 © Copyright -  2017 by FREE STEP ITALIA