• FREE STEP ITALIA

Bambino bianco con la sua domestica schiava nera nell'Impero del Brasile (1860)



Nel 1850, la pressione del governo britannico obbligò il governo brasiliano a mettere fuori legge il commercio di schiavi africani. Londra, stanca del sotterfugio brasiliano, autorizzò le proprie navi a catturare le navi portoghesi e brasiliane portatrici di schiavi. Piuttosto di rischiare una guerra aperta con la Gran Bretagna e una possibile stagnazione dell'economia, il Brasile rese illegale il commercio di schiavi. In cinque anni di tempo anche i traffici clandestini diminuirono di molto, e il commercio trans-atlantico ebbe termine.

La fine del commercio di schiavi ebbe numerose conseguenze. Siccome ci fu una gran richiesta di schiavi nelle regioni meridionali dove si coltivava caffè, i proprietari di piantagioni nel nord vendettero gli schiavi di troppo alle città di Rio de Janeiro e São Paulo. In più il Parlamento approvò la legge che incoraggiò l'apertura all'immigrazione di gente proveniente dall'Europa. Inoltre la fine del commercio liberò il capitale monetario che venne usato per investimenti nei trasporti e nell'industria, e si evitò l'interferenza del Regno Unito circa l'operazione militare brasiliana contro il governo di Buenos Aires di Juan Manuel de Rosas.

#FREESTEPCULTURE

21 visualizzazioni

condividi la pagina

Logo.jpg

 © Copyright -  2017 by FREE STEP ITALIA